MISURARE UN TAVOLO

tape-measure-clipart-tape-measure-9wNA6N-clipartProviamo a costruire una macchina capace di lanciare palloni di basket con assoluta precisione dalla posizione dei tiri liberi esattamente di fronte al canestro a una distanza di 4,6 metri. Se piazziamo la macchina proprio in quel punto essa lancia i palloni sempre nel canestro. Tuttavia, se la spostiamo in un altro punto del campo, senza modificare le sue impostazioni di lancio, essa continuerà a essere molto precisa nei lanci, ma non centrerà mai il bersaglio.

Basandoci su questa analogia, quando discutiamo di uno strumento di misura possiamo distinguere fra “accuratezza” e “precisione”: la seconda è data dalla variabilità del risultato, la prima dalla fedeltà del risultato.

Anche il concetto di precisione andrebbe indagato più approfonditamente, ma adesso soffermiamoci su quello di accuratezza. Proviamo a definirlo bene. Che cosa vuol dire “fedeltà” dello strumento di misura? Potremmo provare a rispondere che la fedeltà dello strumento X nel misurare la grandezza G è la distanza media fra il vero valore di G e il risultato che X ottiene. C’è però un problema. Questa definizione va bene in senso assoluto, ma come facciamo a conoscere quale sia il vero valore della variabile X? Diciamo che le nostre migliori teorie scientifiche sostengono l’ipotesi che lo strumento Y è molto accurato nel misurare G e quindi valutiamo l’accuratezza di X rispetto a quella di Y.

Va bene, allora poniamoci la questione di che cosa sia l’accuratezza di Y nel misurare G, ovvero di che cosa è l’accuratezza del miglior strumento che possediamo per misurare G. In questo caso non possiamo più usare il trucco di cui ci siamo avvalsi prima, cioè fare riferimento a uno strumento di misura che sappiamo essere più accurato. Proviamo ad andare ancora più a fondo.

Di certo noi non abbiamo modo migliore di valutare G, ma siamo sicuri che G sia una parte di mondo? Cioè che G sia qualcosa che sta lì ancor prima che ci avviciniamo con il nostro strumento di misura? Assolutamente no. In molti casi anzi siamo sicuri del contrario. Ad esempio, quando misuriamo l’altezza media di una popolazione, oppure il quoziente di intelligenza di una persona, non abbiamo alcuna ragione per affermare che stiamo valutando qualcosa che è reale.

Facciamo allora l’ipotesi che un’adeguata riflessione basata sulle nostre migliori teorie scientifiche ci porti alla conclusione che a G corrisponde effettivamente qualcosa nel mondo, come ad esempio nel caso della lunghezza di questo tavolo su cui scrivo. Per essere più precisi G non è una proprietà del tavolo, ma il rapporto fra la lunghezza dell’unità di misura di cui mi avvalgo e la lunghezza del tavolo, che è, se non reale, comunque determinato da qualcosa di reale.

Tuttavia noi non conosciamo la lunghezza reale del tavolo. Come facciamo allora?

A questo punto l’accuratezza di Y deve essere valutata in un caso in cui le nostre migliori teorie applicate ad altri dati empirici consentano di stimare con grande precisione una certa lunghezza. Poi, confrontando il valore ottenuto con quello che risulta dall’uso di Y, ci rendiamo conto di quanto Y sia accurato.

Vediamo quindi che, anche se abbiamo buone ragioni per ritenere che G sia un rapporto oggettivo, comunque l’accuratezza di uno strumento di misura, cioè la sua fedeltà nel misurare G è per forza di cose valutata sulla base di un confronto fra diversi strumenti di misura e sulle deduzioni che possiamo fare dalle nostre migliori teorie.

Ancora una volta risulta che fino a quando parliamo di condizioni di verità, possiamo essere corrispondentisti, ovvero nel nostro caso, fino a quando ci domandiamo se una misura è fedele, possiamo introdurre come termine di paragone ideale la realtà oggettiva, ma quando andiamo concretamente a cercare la verità non possiamo che essere coerentisti, cioè confrontare fra loro i risultati ottenuti con diversi metodi.

VF

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *