E S T R A N E I T A’

7760Del tutto inaspettato, a volte affiora in noi un sentimento incomprensibile di estraneità, a cui si accompagna poi un senso di smarrimento.  Ci sembra di aver perduto la percezione, viva, immediata, di quei riferimenti familiari, che ci appaiono essenziali nel nostro procedere quotidiano. Riferimenti a persone soprattutto, ma anche a certezze e valori che, più o meno consciamente, costituiscono presenze rassicuranti nel nostro cammino.

Paradossalmente accade che questo disagio ci sorprende, più di frequente, quando ci troviamo in compagnia, e giunge quindi più imprevedibile. Ci interroghiamo se possa essere proprio il trovarsi in compagnia, che sospinge ad avvertire questa percezione, unita a un vissuto di solitudine.

Si intuisce allora che un’estraneità, in qualche forma, ci abita dentro, e non è da noi riconosciuta. E’ un’estraneità da noi rifuggita, uno straniero che da sempre dimora dentro di noi.

Siamo soliti lamentarci, e non senza ragioni, di vivere non di rado relazioni umane precarie, in cui non si percepisce reciproca condivisione, partecipazione, ascolto.  Non è raro infatti, sperimentare incontri in cui si rivela carenza di dialogo, in cui non ci si sente persone che realmente ricercano di comunicare per comprendersi.  Alla fine si è un po’ come abitanti di mondi lontani, rassegnati a rimanere prigionieri ciascuno della propria solitudine, dolorosamente indifferenti l’uno all’altro.

Certamente siamo immersi in un contesto umano estremamente frammentato, suddiviso in molteplici settori, dove sembra di muoversi in una miriade di interessi e competenze diverse, come abitanti di tessere di un mosaico, non partecipi del disegno complessivo.  Si reagisce spesso cercando contaminazioni senza reale comunicazione, senza un linguaggio di intesa.  E forse viviamo troppo passivamente questi confini, diventando succubi cittadini di habitat chiusi e circoscritti. Se da un lato questo ci rassicura, dall’altro ci imprigiona, e contribuisce ad alimentare relazioni difficili e deludenti, insinuando un senso di estraneità nei nostri incontri.

Per di più, è sentire comune di temere la solitudine materiale. L’assenza di persone intorno, nell’affrontare una giornata, viene vissuta come una sorta di handicap a cui rimediare al più presto. Per attenuare questo disagio, è naturale, cerchiamo contatti con i familiari, con le nostre usuali amicizie, e in genere con i nostri affetti più prossimi con cui condividere pensieri e consuetudini, convinti che se siamo collegati con persone conosciute non ci sentiremo soli.

Ma ragioniamo stando ai fatti più immediati, senza vivere tuttavia una reale convinzione. Infatti, così facendo, rischiamo di assecondare altri confini, tra le persone familiari, amiche e conosciute, e le altre sconosciute, tra le nostre convinzioni rassicuranti e quelle che appartengono agli altri, tra lo stare soli e lo stare in compagnia. Rischiamo di incorniciare diversi mondi di vita, per garantire un nostro habitat familiare, da cui resta fuori un mondo che ci è estraneo.

Conviene ricordare che la scienza, in particolare nei primi decenni del Novecento, ha vissuto l’urgenza di stabilire dei confini chiari e definiti,  per circoscrivere ciò che è scientifico da ciò che non lo è. Tracciando una recinzione che garantisse la sua purezza, si pensava  di immunizzarla da ciò che le è estraneo e che avrebbe potuto infiltrarsi. Ma grandissimi scienziati, come ad esempio i fisici Einstein e Planck, hanno avversato duramente questa concezione, giudicandola mortificante e illusoria. Una scienza chiusa e circoscritta, che si ritiene autosufficiente, sarebbe una realtà statica e senza vita. La scienza all’opposto, in quanto attività dinamica in continua crescita, vive a confini aperti, comunicando con tutta la realtà culturale dell’uomo, dialogando con la storia dell’uomo.

Forse non molto dissimile sembra quanto accade in una relazione tra persone. Se si cerca di circoscrivere un habitat familiare evitando la fatica di confrontarsi con gli sconosciuti, si generano   relazioni che appassiscono e deludono, relazioni che non riconoscono che anche dentro di noi, inevitabile, c’è l’esistenza dello straniero: “L’uomo, scopritore di tanti misteri della natura, deve essere incessantemente riscoperto” (Karol Wojtyla).

Non è la solitudine materiale che ci fa percepire isolati, né la sola compagnia di persone familiari è sufficiente a farci percepire uniti agli altri. Non sono sufficienti i soli affetti, anche i più preziosi, ad aprirci la strada, occorre un atteggiamento di ricerca della prossimità con l’uomo, ovunque esso sia, per dialogare con lo straniero che è dentro di noi, e superare la percezione di isolamento.

Isolamento allora, è non sapere aprirsi a un incontro senza confini, è non cercare l’incontro con l’uomo che sta nell’altro, intorno a noi, lontano da noi, dentro di noi, nel mondo. E lontano e vicino allora si confondono indistinguibili.

Ogni relazione autentica è un cammino che si muove tra conosciuto e sconosciuto, in cui parole e silenzio, solitudine e compagnia, incontro con l’altro e incontro con se stessi, sono inestricabilmente legati.

Anche la nostra religiosità può rischiare di adagiarsi in confini definiti, statici, in pratiche astratte e senza vita che la rassicurano. Può rischiare di non sapere interrogarsi e dialogare con se stessa, di non sapere cercare l’incontro con chi non ci è familiare, con coloro che non sono dei “nostri”. Può essere una religiosità ristretta che non sa aprirsi alla prossimità con l’uomo ovunque esso si trovi.

Il vero incontro ci mette in relazione con l’uomo, e ci chiama ovunque.

Quell’uomo che attende sempre oltre i nostri confini.

 

Paolo Campogalliani

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *